Vivere all’estero – Top 8 Paesi in cui vivere

Vivere all’estero – Top 8 Paesi in cui vivere

INTRODUZIONE

Se stai cercando un nuovo posto dove vivere all’estero, potresti voler considerare uno di questi 8 top paesi!

Ognuna di queste nazioni è stata classificata in base all’accessibilità economica, alla qualità della vita e alla facilità di adattamento.

Quindi, che tu sia uno studente alla ricerca di un posto economico per studiare, un lavoratore alla ricerca di una vita di alta qualità, o un viaggiatore che cerca di adattarsi facilmente a un nuovo ambiente, qui troverai quello che stai cercando.

Qui di seguito, parleremo in maggior dettaglio di questi paesi!

QUALI SONO GLI 8 MIGLIORI PAESI IN CUI VIVERE?

1) Norvegia

La Norvegia è una nazione prospera con un’alta qualità di vita.

È un posto eccellente per vivere per i lavoratori, poiché offre una buona economia e salari elevati.

Lo stipendio medio è di 61.000 dollari USA.

La Norvegia è anche un ottimo posto per gli studenti, dato che le sue università sono di fama mondiale.

Inoltre, la Norvegia offre un’alta qualità di vita, con un’eccellente assistenza sanitaria e prestazioni sociali.

Insomma, è un ottima alternativa dove vivere all’estero.

2) Svizzera

vivere all'estero

La Svizzera è un altro paese prospero con un’alta qualità di vita.

Offre eccellenti opportunità di lavoro e una forte economia.

La svizzera è divisa nello specifico in 3 parti, dove praticamente la lingua parlata è rispettivamente il tedesco, l’italiano e il francese.

E’ un ottimo posto per gli studenti, dato che le sue università sono rinomate in tutto il mondo.

Sia per gli europei, che per gli studenti/ lavoratori internazionali è richiesto il visto per lavorare in questa nazione.

Lo stipendio medio in Svizzera è di 115 000 dollari, ma varia molto in base alla città dove vivi.

Il costo della vita d’altra parte è alto, con un affitto medio di circa 1.500 dollari al mese.

Tuttavia, la qualità della vita e le opportunità di fare carriera e vivere in Svizzera fanno sì che ne valga la pena.

3) Australia

L’Australia è un paese eccellente in cui vivere, offrendo una grande qualità di vita e molte opportunità per lavoratori e studenti.

E’ importante notare che frequentare le sue università costa.

Il governo fornisce un buon finanziamento per l’istruzione, ma questo denaro non copre l’intero costo delle tasse universitarie.

Gli studenti dovranno fare un budget appropriato per assicurarsi di potersi permettere di vivere e studiare in Australia.

Il cambio di ora legale può anche essere un altro settore molto sentito, soprattutto per mantenere i contatti con la nostra famiglia in Italia.

Inoltre, l’Australia offre una vasta gamma di opportunità di lavoro e di carriera per coloro che vogliono lavorare.

Lo stipendio medio in Australia è di £63.000 dollari.

Questo lo rende un ottimo posto per lavorare e guadagnarsi da vivere.

4) La Danimarca

E’ stata proclamata dalle Nazioni Unite uno dei migliori paesi al mondo in cui vivere.

Questo è dovuto alla sua alta qualità di vita, alle eccellenti opportunità di lavoro e alla forte economia.

È un ottimo posto anche per gli studenti, dato che le sue università sono rinomate in tutto il mondo.

Lo stipendio medio di un lavoratore in Danimarca è di 75.000 dollari.

5) Il Regno Unito

dove vivere all'estero

E’ un ottimo posto per vivere, con un’alta qualità della vita e molte opportunità per lavoratori e studenti.

Il Regno Unito ha un’economia forte e offre molte opportunità di lavoro eccellenti.

Inoltre, il Regno Unito ha università di livello mondiale (Oxford e Cambridge sono solo pochi degli esempi), il che lo rende un ottimo posto dove vivere per gli studenti.

Tuttavia, il costo per studiare in Regno Unito è aumentato molto per gli studenti internazionali da quando c’è la Brexit.

Lo stipendio medio in Inghilterra è di 71.000 dollari, che varia in base alla città e al lavoro svolto.

Gli stipendi tuttavia, sono in media tra i più alti in europa. Il costo della vita è però, anche molto alto.

6) La Germania

E’ un altro eccellente paese in cui considerare di vivere.

Offre un’alta qualità di vita, buone opportunità di lavoro e una forte economia.

Il costo della vita in Germania è relativamente alto rispetto ad altri paesi, ma varia.

Per esempio, a Berlino contro Amburgo, il costo della vita è più alto ad Amburgo. Tuttavia, il costo della vita a Monaco è più basso di entrambe queste città.

Quindi, nel complesso, il costo della vita in Germania è relativamente alto, ma ci sono alcune aree in cui è più economico di altre.

La Germania è anche un ottimo posto per gli studenti, dato che le sue università sono di fama mondiale.

Lo stipendio medio in Germania è di 50.000 dollari. Questo varia in base alla città in cui si vive.

7) Gli Stati Uniti

vivere all'estero

Sono un ottimo posto dove vivere, con molte opportunità per lavoratori e studenti.

Gli Stati Uniti hanno un’economia forte e offrono molte opportunità di lavoro eccellenti e molto ben pagate.

Inoltre, gli Stati Uniti hanno università di livello mondiale (Harvard, Yale, ecc.), il che li rende un ottimo posto dove vivere per gli studenti.

Tuttavia, il costo per studiare è enorme e costringe molti studenti a fare mutui per pagarli.

Non è raro che molti studenti ripagano questi mutuo anche dopo molti anni dopo aver iniziato a lavorare.

Il sistema sanitario degli Stati Uniti è anche un imbroglio, poiché è uno dei più costosi al mondo.

Inoltre, è spesso difficile trovare un’assistenza sanitaria di alta qualità e accessibile a tutte le tasche.

Lo stipendio medio negli Stati Uniti è di £56.000 dollari.

Questo varia molto in base alla città in cui vivi e al tuo livello di istruzione.

Anche in USA come per il Canada e l’Australia il cambio orario è un fattore limitante per restare in contatto con familiari e amici in Italia.

8) Canada

E’ un altro eccellente paese in cui considerare di vivere all’estero.

Offre un’alta qualità di vita, buone opportunità di lavoro e una forte economia.

A differenza degli Stati Uniti, l’assistenza sanitaria in Canada è accessibile e facile da trovare.

Inoltre, il costo della vita in Canada è relativamente basso rispetto agli Stati Uniti.

Il Canada è noto per molte cose: le sue bellezze naturali, le persone che lavorano sodo e i vicini amichevoli.

È stato anche valutato come uno dei migliori paesi al mondo in cui vivere sia da U.S. News World.

Il clima purtroppo è abbastanza freddo, soprattutto in inverno.

Anche qui il cambio di ora legale è molto sentito per restare in contatto con familiari e amici in Italia

Lo stipendio medio nel 2021 in Canada era di circa £65 mila dollari.

CONCLUSIONE – Vivere all’estero

vivere all'estero

Nel complesso, questi sono i dieci migliori paesi in cui vivere all’estero, se stai cercando una grande qualità della vita, buone opportunità di lavoro e una forte economia.

Insomma, tieni presente che il costo della vita varia molto da paese a paese.

Non stupitevi solo degli stipendi guadagnati in un certo paese.

Assicurati di fare ricerche sul costo della vita nel paese che ti interessa prima di prendere qualsiasi decisione!

Un applicazione che mi ha, personalmente aiutato per comprendere il costo della vita al netto dello stipendio, si chiama NIMBEO.

Quindi fai la tua ricerca prima di prendere qualsiasi decisione!

 

Avete bisogno di aiuto per la creazione di CV e Cover Letter lavorativi in Inglese, di consulenza lavorativa e career coaching?

Vi raccomando di dare un occhiata ai nostri servizi, offerti nella sezione Servizi di questo blog.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Vivere e lavorare a Londra – Le top 5 opportunità lavorative

Vivere e lavorare a Londra – Le top 5 opportunità lavorative

INTRODUZIONE

Vivere e lavorare a Londra è un opportunità che raccomando a molti Italiani.

E ‘una città vibrante e dove non ti annoierai mai.

Una città piena di vita, servizi, lavoro, etnie, eventi e cultura

Se stai cercando una nuova sfida o vuoi iniziare la tua carriera in una delle città più influenti del mondo, allora Londra è il posto giusto per te!

In questo articolo, daremo un’occhiata ad alcuni dei migliori lavori a Londra e a quello che devi fare per ottenerli.

Quindi, che tu stia già vivendo a Londra o che tu stia pensando di trasferirti qui a breve, continua a leggere per avere alcuni ottimi consigli per la tua carriera!

L’economia del Regno Unito è in pieno boom in questo momento, e non è una sorpresa che Londra abbia alcuni dei migliori posti di lavoro in Europa.

Infatti, secondo il Financial Times le previsioni degli analisti di ricerca indicano un tasso medio di crescita annuale del due per cento nei cinque anni dal 2020-25.

Più alto di qualsiasi altro paese europeo tranne la Germania.

Cosa significa questo?

Fondamentalmente: se vuoi una grande opportunità di carriera con un sacco di spazio per l’avanzamento (e una paga eccellente), vivere a Londra potrebbe essere proprio quello che stai cercando!

Vivere a Londra offre molti vantaggi oltre ad avere accesso ad alcune fantastiche opportunità di lavoro – non ultimo il fatto di poter godere di tutto ciò che questa città ha da offrire.

Perché vivere a Londra?

Londra è una città con una ricca storia, il che significa che ci sono molte imprese e industrie con sede qui

Per esempio: il settore dei servizi finanziari rappresenta più del 25% dell’economia di Londra!

Questo significa che se vuoi iniziare la tua attività in uno di questi campi, allora Londra potrebbe essere il luogo ideale per farlo.

Oltre ad avere accesso a grandi opportunità di lavoro, Londra è anche una città con una ricca vita sociale e culturale.

Ci sono sempre nuove cose da fare e da vedere, e la città ospita persone da tutto il mondo.

Questo rende Londra un posto culturalmente vario ed eccitante in cui vivere.

Vivere a Londra – I 5 lavori più richiesti

vivere a londra

Allora, quali sono i lavori migliori a Londra? Ecco una lista di cinque delle posizioni più richieste e meglio pagate:

1. Banchiere d’investimento

Questo lavoro offre grandi opportunità di crescita e di avanzamento, così come una paga e dei benefici eccellenti. Un broker a Londra porta a casa uno stipendio medio di 100.000 sterline all’anno, e il mercato del lavoro è in piena espansione. Se stai cercando una grande opportunità di carriera con un sacco di spazio per l’avanzamento (e una paga eccellente), vivere a Londra potrebbe essere proprio quello che stai cercando!

2. Avvocato aziendale

Londra è sede di alcuni degli studi legali più prestigiosi del mondo e gli avvocati aziendali sono sempre molto richiesti.

Gli stipendi per gli avvocati aziendali partono da circa 50.000 sterline all’anno e possono salire

3. Consulente di gestione

I consulenti di gestione sono molto richiesti in tutto il mondo, e Londra non fa eccezione

Infatti, questo può essere uno dei migliori lavori da avere a Londra in questo momento – con uno stipendio medio di 75.000 sterline all’anno e molte opportunità di avanzamento, non c’è da meravigliarsi che le posizioni di consulente di gestione siano così ambite.

4. Specialista IT

Gli specialisti IT sono sempre molto richiesti, e con la Brexit all’orizzonte, molte aziende stanno cercando di assumere professionisti IT che abbiano esperienza di lavoro in un ambiente transfrontaliero

Gli stipendi degli specialisti IT partono da circa 35.000 sterline all’anno e possono arrivare a 75.000 sterline o più.

I settori IT più richiesti sono gli ingegneri di rete, gli amministratori di sistema e gli sviluppatori di software.

5. Dirigente senior

I dirigenti senior sono sempre molto richiesti, e con la Brexit all’orizzonte, molte aziende stanno cercando di assumere dirigenti senior che abbiano esperienza di lavoro in un ambiente transfrontaliero

Gli stipendi per i dirigenti senior partono da circa 75 mila sterline all’anno e possono arrivare a 200 mila sterline o più.

Vivere a Londra: L’importanza di conoscere la lingua inglese 

imparare l'inglese

Se vuoi lavorare in uno di questi lavori molto richiesti a Londra, è essenziale che tu abbia una buona comprensione della lingua inglese.

Molte aziende richiedono che i loro dipendenti siano abili in inglese, e senza una forte conoscenza della lingua inglese, sarà difficile per te competere per i lavori migliori.

Vivere e Trovare lavoro a Londra dopo la Brexit

Trovare lavoro a Londra dopo la Brexit può essere un compito difficile.

Con tanta incertezza nell’aria, molte aziende sono riluttanti ad assumere nuovi dipendenti.

Tuttavia, se sei qualificato e hai le giuste competenze, ci sono ancora molte opportunità disponibili.

Il modo migliore per trovare lavoro a Londra dopo la Brexit è quello di fare rete con le persone del tuo settore.

Partecipa agli eventi del settore e ai meetup, e connettiti con le persone su LinkedIn e altre piattaforme di social media.

Non si sa mai chi potrebbe essere in grado di aiutarti a trovare il tuo prossimo lavoro.

Un altro modo per trovare lavoro a Londra dopo la Brexit è controllare le bacheche e i siti web di annunci.

Se stai cercando un lavoro a Londra dopo la Brexit, è importante fare la tua ricerca e identificare le aziende che stanno assumendo e offrono la sponsorizzazione.

Questo ti permette di bypassare il solito processo di assunzione e può aumentare le tue possibilità di ottenere un lavoro.

Ci sono molti siti web che elencano lavori sponsorizzati a Londra. Alcuni dei migliori da controllare sono:

1. Indeed

2. Reed.co.uk

3. Glassdoor

CONCLUSIONE

vivere a Londra

Ora che sei a conoscenza dei lavori più richiesti a Londra, è importante assicurarsi di avere le competenze e le qualifiche necessarie per competere per queste posizioni.

Assicurati di rimanere aggiornato sulle ultime tendenze e tecnologie del settore, e investi nella tua istruzione e formazione in modo da essere preparato per qualsiasi cosa venga dopo.

In questa lista vi ho svelato i 5 lavori più richiesti a Londra, ma la lista continua con molte opportunità nel settore sanitario ed educativo.

Spero che questo articolo sia stato utile a tutti voi. Quale è stata la vostra esperienza lavorativa a Londra? Sono curioso di leggere i vostri commenti

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Andare a vivere all’estero. Come sopravvivere – Una guida per gli italiani

Andare a vivere all’estero. Come sopravvivere – Una guida per gli italiani

 

andare a vivere all'estero

In questo articolo vi parlerò di come prepararsi a sopravvivere andare a vivere all’estero.

Voglio raccogliere una guida esaustiva per noi Italiani e anche darvi un contesto maggiore grazie alla mia esperienza quinquennale in cui ho vissuto all’estero.

La paura di affrontare il pensiero di sopravvivere per vivere all’estero è comune a tutti coloro che stanno pensando o si trasferiranno all’estero per studio, lavoro o per vivere in un contesto diverso.

I problemi che sono sorti a me in prima persona, prima di partire per vivere all’estero sono di solito i seguenti:

Cosa portare con me in valigia?

Quanti soldi portare per sopravvivere il primo mese all’estero, in attesa del pagamento del primo stipendio?

Quali documenti portare e come gestire la documenti prima e dopo essere partiti all’estero?

Come fare amicizia all’estero?

Quali sono le più grandi sfide di andare a vivere all’estero?

I migliori consigli su come adattarsi ad una nuova cultura?

Qui di seguito, cercherò di rispondere in maniera concisa e sintetica a tutte le domande qui sopra.

COSA PORTARE CON ME IN VALIGIA PER ANDARE A VIVERE ALL’ESTERO?

andare a vivere all'estero

Sapere cosa portare in valigia con sé, dipende dal luogo in cui ti stai trasferendo. Se vi trasferite in una casa in affitto, in una stanza di una casa, il consiglio generale è di portare solo le cose più indispensabili.

Prima di tutto, perché non sarebbe altrimenti facile viaggiare con troppe valigie se si è da soli.

Un altro motivo per cui essere minimalisti in questo contesto è perché, nel momento dovreste muovervi da un appartamento ad un altro, non sarebbe facile gestire il trasferimento delle tue cose, soprattutto se sono aumentate nel corso del tempo.

E’ successo, personalmente di muovermi 8 volte di casa (decisamente tante) e quando possedevo più oggetti è stato davvero complicato.

L’avere amici che, in questa situazione mi hanno aiutato , è stato decisamente un supporto importante.

In linea generale è consigliabile portare i vestiti, documenti essenziali. Tenete conto che potrete benissimo comprare una volta all’estero le altre cose che vi potrebbero servire

Se leggete libri, sarà meglio acquisire l’abitudine di leggere tramite kindle e non possedere copie fisiche, oppure utilizzare Audible per ascoltare libri in formato audio.

QUANTI SOLDI PORTARE PER SOPRAVVIVERE IL PRIMO MESE ALL’ESTERO, IN ATTESA DEL PAGAMENTO DEL PRIMO STIPENDIO?

Dipende.. Dallo stato in cui vi trasferite, delle condizioni contrattuali dove lavorerete, se vi trasferite in una grande città, dal costo della vita nel paese dove vi trasferite e da molti altri fattori.

Un consiglio, sarebbe di informarvi sul costo della vita nello stato di trasferimento.

In Inghilterra, per esempio, l’affitto di una stanza vicino al centro costerà minimo 1300 pounds al mese, a cui aggiungere la council tax, il cibo, luce, gas, acqua ed eventuali altre spese.

Non è possibile quantificare esattamente quanto dovreste portare con voi il primo mese, ma è facile stimarlo conoscendo le possibili spese che si affrontano eventualmente il primo mese.

E’ possibile inoltre ridurre strategicamente le spese mangiando meno, utilizzando meno riscaldamento, effettuando meno spese in generale, ma ciò dipende da caso in caso.

QUALI DOCUMENTI PORTARE E COME GESTIRLI PER ANDARE A VIVERE ALL’ESTERO?

vivere all'estero

Innanzitutto, il passaporto, il documento di identità, il contratto di locazione firmato dell’alloggio che affitterai, il contratto eventuale di lavoro, ticket aereo, il tuo account bancario, oppure i soldi in contanti per affrontare il primo periodo di approdo all’estero.

Una volta arrivati all’estero in base a dove arriverete dovrete informarvi dei documenti necessari nel paese di arrivo.

In Inghilterra, infatti per lavorare è necessario, una volta ottenuto una posizione lavorativa, residenza e account bancario, richiedere il National Insurance Number, per poter continuare a lavorare.

Dopo la Brexit ci vuole anche un Working o Travel Visa, etc.

E’ importante documentarsi in anticipo. Ci sono, quasi in tutte le citta del mondo, comunità online di italiani nella città.

Infatti, è possibile iscriversi a questi gruppi Facebook (dove vivevo e lavoravo io, seguivo e facevo domande nel gruppo Facebook “Italiani a Oxford”).

COME FARE AMICIZIA ALL’ESTERO?

amicizie all'estero

In realtà è abbastanza facile. Gli italiani tendono facilmente a formare comunità all’estero. E’ possibile incontrare di persona e frequentemente, molti italiani in tutti i paesi sviluppati del mondo.

Grazie ai social media  e a Facebook, è inoltre possibile trovare gruppi di italiani nella città o nel paese, dove vi siete trasferiti

Essere timidi e non socievoli non aiuta, quando ci si trasferisce all’estero.

Ma se sei socievole, oppure propenso ai rapporti sociali, con un minimo di proattività potrai conoscere molti nuovi amici all’estero, sia sui social media, che di persona, che sul posto di lavoro.

Anche trovare un partner, grazie ai social media, focalizzati al trovare a questo scopo, rende il fatto di conoscere nuove persone semplicissimo.

Bisogna essere sicuramente intraprendenti, coscienti e prendere iniziativa.

A volte il lavoro potrà portare via molte delle tue energie, ma con un pò di pianificazione e strategia, si può ambire a mantenere anche un buon bilancio vita / lavoro.

QUALI SONO LE MAGGIORI SFIDE NELL’ ANDARE A VIVERE ALL’ESTERO?

andare a vivere all'estero

Le maggiori sfide sono di diversa natura.

In base a dove decidete di vivere, il clima potrebbe essere anche molto diverso da quello a cui siamo abituati.

La durata delle ore di giorno e notte possono altrettanto variare.

In Svezia per esempio, le giornate durano molto meno in inverno, rispetto all’Italia.

Le temperature sono possono altrettanto essere differenti.

Cosi come la quantità di sole, luminosità, qualità della luce, indispensabile per la nostra salute di tutti i giorni.

Nonostante sarà possibile comunicare in videochiamata con i nostri familiari, sentiremo moltissimo la loro mancanza.

Diciamocelo chiaro, la maggior parte di coloro che si trasferiscono all’estero visiteranno la propria famiglia in italia in media 2-3 volte l’anno.

Con questo voglio dire che in alcune circostanze e nel tempo, potremmo dover visitarli anche una volta all’anno o ogni secondo anno.

Vedere invecchiare i propri genitori, nipoti per cui non possiamo essere presenti costantemente potrebbe portarvi un senso di nostalgia.

La ripercussione alimentare, potrebbe pure essere abbastanza forte.

Nella mia esperienza personale, avendo vissuto per 5 anni in Inghilterra, ho sofferto molto la differenza alimentare rispetto all’Italia.

Il cibo di qualità costa di più e i dolci costano meno…

Svolgere una dieta vegetale è difficile considerando i prezzi e la bassa qualità dei prodotti (che non hanno lo stesso sapore, della nostra frutta e verdura in Italia).

La vita culturale, sarà sicuramente molto diversa.

In base al vostro carattere, in maniera soggettiva, potreste ritrovarvi a trovarvi peggio o addirittura meglio se più affini alla cultura del posto.

La difficoltà di molto potrebbe essere a livello sociale.

Fare amicizia, seppure semplice grazie ai social media, richiede di non essere timidi ed essere proattivi per ricercarle e coltivarle.

Mentre alcuni potrebbero sentirsi soli all’estero, altri potrebbero anche avere maggiori opportunità di conoscere tanta nuova gente.

I MIGLIORI CONSIGLI SU COME ADATTARSI AD UNA NUOVA CULTURA?

andare a vivere all'estero

La necessità di avere una mentalità prona al volersi integrare ed esplorare le differenze culturali, rispetto alle proprie.

E’ importante, voler fare amicizia con i cittadini del paese dove andate e comunicare il più possibile.

E’ importante comprendere e accettare le differenze, senza giudicare.

Bisogna integrarsi socialmente e imparare la cultura del posto.

Essere più aperto di veduta e abbracciare la diversità.

Eliminare i pregiudizi.

Tutto qua!

CONCLUSIONE

Spero che questo articolo possa essere d’aiuto per sopravvivere all’estero.

Sono curioso di conoscere le vostre esperienze.

Cosa aggiungereste a quello che ho discusso in questo articolo?

Condividete questo articolo e commentate in molti!

ARTICOLI CORRELATI

Top 5 lavori dipendenti più pagati in Europa 2022
Come scegliere la top città dove vivere all’estero
Fare amicizia all’estero; La mia esperienza e consigli
Qualità di vita in Inghilterra rispetto all’Italia nel 2021

 

 

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Gli effetti collaterali – La nostalgia di casa di vivere all’estero

Gli effetti collaterali – La nostalgia di casa di vivere all’estero

INTRODUZIONE

La mancanza della famiglia, degli amici , della tua italia, è un effetto collaterale di vivere all’estero (vivere all estero nostalgia di casa).

Essere via dal proprio contesto familiare e sociale comporta gli effetti collaterali e la nostalgia di vivere in un ambiente differente dal proprio, con una cultura molto differente, in una lingua differente.

Un contesto sociale che è diverso dal proprio.

Un ambiente lavorativo che è molto diverso dal proprio.

Le difficoltà non sono poche, anche i benefici possono diventare molti.

Per vivere bene, con successo contro le difficoltà che incontrerai, sarà molto importante focalizzarti sugli aspetti positivi che su quelli negativi e più difficili.

VIVERE ALL ESTERO NOSTALGIA DI CASA – LA MIA ESPERIENZA

vivere all estero nostalgia di casa

Quando mi sono trasferito in Inghilterra per lavorare o meglio prima di partire, molti sono stati i sentimenti che spesso mi combattevano.

A volte pensavo che non sarebbe stata una buona idea, lasciare amici, famiglia e la mia Puglia per andare in un posto sconosciuto a me, senza amici e senza la famiglia.

Era un pensiero che mi faceva stare male.

Cercavo da una parte di essere razionale nelle mie scelte,. La parte irrazionale ed emozionale mi chiedeva di restare a casa e di cercare lavoro qui.

La parte emozionale era forte ed e stato davvero importante dare ascolto a quella razionale.

Molte erano le paure che avevo prima di partire a vivere all’estero:

  • La non padronanza della lingua inglese
  • La paura di solitudine
  • La paura di lasciare la mia famiglia in Italia
  • La paura di non trovarmi bene

Queste paure sono diventate più grandi in vicinanza del giorno della mia partenza.

Non sono sparite anche dopo la partenza per l Inghilterra.

La prima difficoltà che ho trovato nel vivere in Inghilterra, fù comprendere ancora più a fondo le mie lacune linguistiche.

Cercavo informazioni su dove prendere il pullman per andare da Londra a Oxford.

In qualche modo riuscii a farmi capire, ma non capi cosa mi venne risposto…

Aprire il conto in banca, firmare il contratto di locazione senza capirlo del tutto.. Mi faceva paura…

La cosa buona è stata aver trovato altri compagni di viaggio con cui condividere lo stesso percorso.

In particolare c’ era un altro spagnolo a cui facevo molte domande soprattutto in queste situazioni.

Io comunicavo con lui in Italiano e lui mi rispondeva in lingua spagnola.

Comunicare in spagnolo era allora molto più comprensibile dell’inglese in quanto una lingua molto simile da comprendere.

Un altra difficoltà fu comprendere il valore della moneta locale quando dovevo pagare al supermercato.

Tutti erano disposti ad aiutare per cui non era un problema alla fine.

Tutto era nuovo per me, tutto diverso da quello a cui ero abituato.

Iniziare a lavorare come infermiere senza poter completamente comprendere e comunicare in lingua inglese..

La cosa positiva è aver potuto essere affiancato per diversi mesi da un altro infermiere più esperto in modo tale da coprire nel mentre le mie lacune linguistiche e professionali.

Nel pacchetto di assunzione fu anche inclusa la possibilità di seguire un corso di Inglese professionale.

Questo mi aiutò a comprendere il linguaggio medico ed infermieristico specifico di dove lavoravo.

Ho comprato libri in lingua madre che ho anche iniziato a leggere e tradurre per accelerare il processo di apprendimento.

vivere all estero nostalgia di casa

Un altra difficoltà che subito ho notato e la difficoltà di convivenza con il clima inglese, soprattutto durante l inverno.

Il cielo grigio e la costante pioggerellina che tiene il cielo grigio e poco luminoso per tanti mesi (con rare uscite di sole a tratti).

Ho visto persone deprimersi e tornarsene dopo solo pochi mesi per questo motivo e per la mancanza della propria famiglia.

Non e facile vivere all’estero quando tutta la tua famiglia e in italia. I tuoi genitori diventano sempre più anziani e non esserci spesso a compleanni, onomastici, natali ed altre importanti ricorrenze.

Un altro aspetto che è stato difficile era socializzare con gli inglesi.

Gli inglesi sono per natura persone con cui e difficile diventare amici, se non dopo tanti anni.

Per fortuna quando ero in Inghilterra, ad Oxford ho trovato comunità provenienti da tutto il mondo.

Ho fatto molte amicizie con altri italiani, spagnoli, francesi, persone provenienti da tutto il mondo che invece erano molto socievoli come noi italiani.

Sono state le più belle amicizie della mia vita che mi hanno arricchito come persona e culturalmente.

Andare all’estero offre tante opportunità‘, ma in questo articolo voglio mostrarvi anche quelle che potrebbero essere le difficoltà che potreste trovare, in quanto le ho trovate anche io personalmente.

Devo precisare però che ho conosciuto molte persone hanno anche deciso invece di comprare casa in Inghilterra, altri si sono anche sposati e hanno deciso di vivere li per il resto della loro vita.

Con questo voglio dire che la questione di difficoltà, può essere abbastanza soggettiva.

Quello che non può piacere ad alcuni, piace molto invece a molti altri.

Per questo motivo è importante valutare se stessi questa esperienza, perché’ si scopre proprio la propria dimensione nel mondo.

E possibile scoprire di sentirsi più felici in un altra nazione rispetto alla propria.

Viceversa, potreste scoprire e imparare ad amare di più la vostra madre patria vivendo all’ estero.

LE DIFFICOLTÀ NEL TORNARE A VIVERE NELLA TUA MADRE PATRIA

vivere all estero nostalgia di casa

Tornare in madre patria si è rivelato altrettanto difficile.

Essi, non è facile dopo aver vissuto dopo 5 anni in Inghilterra ritornare in italia.

Dopo 5 anni fai molte amicizie, coltivi nuove comunità’, passioni e abitudini.

Scopri delle sfaccettature del comune vivere, che preferisci all’estero rispetto che in italia.

Tornare in Italia significherà’ rifarsi una vita al contrario.

Non tutte le amicizie che avevi in italia si ricorderanno di te come prima.

Molti degli amici di infanzia, compagni di classe sono partiti altrove in italia e all’estero, per motivi di lavoro, famiglia.

Dovrai investire nuovamente del tempo per coltivare delle amicizie con non hai più coltivato come quando eri in italia.

Ti renderai conto di essere diventato una persona diversa e che anche i tuoi amici e conoscenti saranno cambiati molto durante questi anni.

Avrai meno tolleranza degli aspetti negativi del nostro paese.

Questo perché hai scoperto diversi modi di vivere dal proprio. Ambienti migliori e aspetti culturali dove ti trovavi meglio rispetto alla tua madre patria.

Impari a comprendere pero il motivo di tali comportamenti e ad apprezzare di più il tuo posto e ciò’ che hai.

Scoprirai quanto sia importante fare network e circondarsi di persone che ti vogliono bene.

Apprezzerai di più il vivere e frequentare la tua famiglia.

Amerai di più la tua nazione cercando di condividere le tue esperienze e conoscenze e cercherai di essere un esempio per il prossimo.

Diventerai una nuova persona, con più conoscenze, più’ appetibile lavorativamente e socialmente.

Sarai più felice di te stesso.

Questa esperienza te la porterai nel cuore per il resto della tua vita.

CONCLUSIONE – (vivere all estero nostalgia di casa)

Vivere all’estero è un esperienza che consiglio a tutti. Soprattutto giovani neo-laureati in cerca di lavoro e di esperienze lavorative.

E chissà’ in molti casi potreste trovare all’ estero la vostra anima gemella, come e successo a me.

Come e stata la vostra esperienza all’ estero? Cosa vi blocca nel fare questa esperienza. Scrivetemi nei commenti.

Mi piacerebbe scoprire la vostra visione e parlarne insieme

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Trasferirsi all estero – Quanti soldi ti servono

Trasferirsi all estero – Quanti soldi ti servono

In questo articolo vi parlerò di un problema che hanno tutti coloro che vogliono iniziare un percorso di vita e lavorativo all’estero. Quanti soldi bisogna avere per trasferirsi all estero?

Tutto questo dipende da diversi fattori:

  • Avete ricevuto una proposta di lavoro che vi paga un bonus per trasferivi.
  • Il lavoro che avere ricevuto prevede vitto e alloggio.
  • Quali sono le vostre esigenze familiari.
  • Voler lasciare tutto e trasferirsi per trovare lavoro.
  • Intenzione di Studiare all’estero.

Questi sono sono alcuni dei vari fattori che dovete considerare affinché si possano fare delle stime su quanti budget da allocare per trasferirsi all estero.

Nella mia esperienza personale ho vissuto per 5 anni in Inghilterra e conosciuto davvero tantissime persone con cui ho avuto modo di condividere le nostre esperienze di vita.

Ecco perché mi sento di potervi darvi delle informazioni molto affidabili in questo tema.

INTRODUZIONE

Quando ci si decide di trasferirsi all estero, è importante valutare non solo l aspetto economico ma anche familiare, caratteriale e motivazionale.

Ho conosciuto molte persone che caratterialmente, per esempio sono molto attaccate alla propria famiglia al punto da non voler vivere lontani da loro per un periodo prolungato di tempo.

Inoltre, ho anche conosciuto persone che hanno trovato lavori che in realtà permettevano a malapena di pagare il proprio affitto e mangiare, che dubitavano dei vantaggi ricevuti economicamente nel trasferirsi.

Ho visto persone fare carriera e diventare delle persone educatissime ed esperte nel loro settore di lavoro vanendo in Inghilterra.

Inoltre, ho avuto modo di conoscere anche persone più grandi di età, trasferirsi con la loro famiglia o senza i propri figli.

Persone divorziate ma con figli in nazioni diverse. Che hanno avuto difficolta a gestire l aspetto lavorativo con quello familiare.

Storie a distanza che riescono con successo e altre che terminano per la prolungata lontananza.

Persone motivate a crescere personalmente e nella propria carriera riuscire nel proprio intento.

Ho avuto modo di vedere anche persone trasferirsi senza una reale grande motivazione che li ha spinti a voler tornare nuovamente in Italia nel giro di pochi mesi o massimo 1 anno.

L aspetto economico non esclude quello caratteriale, motivazionale e i pro e contro che vi spiegherò più in dettaglio nella prossima sezione.

PRO E CONTRO CHE DOVETE CONSIDERARE (Esempio Inghilterra)

Nel mio caso sono partito con il desiderio di iniziare la mia carriera da infermiere dopo essermi laureato in Italia in Infermieristica e di imparare l inglese.

Vivendo per 5 anni in Inghilterra, questi sono i pro e contro che ho trovato io personalmente, ma anche i pro e contro raccolti dalle esperienze dei miei amici/conoscenti:

PRO:

  • Imparare la lingua: Andando per esempio, in Inghilterra, imparerai sempre più la lingua inglese. Questo vale anche se il tuo livello di inglese e basso. L inglese ti aprirà delle porte nella vita che nemmeno immagini. (Esempio : Viaggiare in tutto il mondo con facilità, vedere film in inglese, leggere libri in inglese, La disponibilità delle informazioni che si moltiplica, lavorare e fare carriera in tutto il mondo).
  • Conoscerai tante persone fantastiche: Le tue amicizie saranno variegate e provenienti da tutte le parti del mondo. Fare amicizia con altri espatriati ti arricchirà, di cultura, ti renderà una persona più aperta e capace di comprendere diversi punti di vista dai propri.
  • Un mondo di più opportunità rispetto in Italia: La possibilità di aprire un business in 1 giorno, tasse più basse, rispetto per il prossimo, tutoring per chi inizia una nuova posizione lavorativa, collaborazione lavorativa e internazionale.
  • Tasse più basse rispetto all’Italia: Guadagni 30000 pounds all’ anno? Questo significa che ti ritroverai in tasca più di 2000 pounds netti, quando in Italia con la stessa cifra in euro, te ne ritrovi in tasca 1650. In Inghilterra le tasse sono al 20% del guadagno lordo fino a 37000 pounds. In Italia la stessa fascia e tassata al 38%.
  • Un sistema educazionale fenomenale: In Italia gli esami universitari sono divisi tra scritti e orali, in un giorno specifico stabilito dal professore. Quante volte i professori hanno rimandato gli esami.
  • Una burocrazia efficace e online: Ricordo quando sono tornato in Italia, che per aprire un account bancario, mi hanno chiesto un casino di documenti, da cui fare un casino di fotocopie e firmare un casino di scartoffie. In UK, quando ho aperto il mio account bancario ho solo dovuto far vedere il mio passaporto, e tutta la procedura venne fatta in 5-10 minuti senza fotocopie che rovinano l ambiente.
  • Il rispetto per il prossimo: Le file per entrare sul pullman, le persone che ti tengono aperta la porta per uscire da un negozio. La cortesia è dimostrazione di come l Inghilterra sia un paese molto civile ed integrante.

CONTRO:

  • Vi mancherà la vostra famiglia: Essi, vedrete la vostra famiglia più spesso in videochiamata e le visiterete dalle 4-5 volte massimo per alcuni alle 1-2 volte all’ anno per altri. Viaggiare in aereo in certi periodo ha dei costi importanti e avere l opportunità di vedere la vostra famiglia dipende da quante ferie possedete e come le sfruttate.
  • Il clima in Inghilterra: Spesso nuvoloso e piovoso. Vi mancherà il sole e la luce in generale.
  • La vita in Inghilterra vi costerà più che in Italia anche se questo e mitigato un po’ dalla tassazione che e inferiore
  • I negozi chiudono alle 5 di pomeriggio
  • Il cibo non avrà lo stesso sapore che in Italia. Soprattutto il cibo vegetale avrà una qualità peggiore e sarà più costoso.
  • Sara una sfida mantenere lo stesso livello di amicizia che hai mantenuto per anni con i vostri amici migliori in Italia.
  • Gli Inglesi sono molto meno socievoli di noi italiani.
  • La solitudine di molti anziani: Se sei pensionato e desideri trasferirti, per esempio in Inghilterra, tieni conto della potenziale difficolta di fare amicizie e del pericolo di solitudine che potresti incontrare. In Italia, soprattutto nei paesi gli anziani si incontrano in piazza e fanno comunità. Un esempio di comunità per l intero mondo.
  • Chi farà carriera vivrà molto più potere di acquisto, chi guadagna poco più che in Italia, vivrà di bolletta in bolletta.

QUANTI SOLDI DA PORTARE IN BASE A DIVERSI FATTORI

E’ arrivata l ora di rispondere alla fatidica domanda. Quanti soldi devo portare con me per trasferirsi all estero?

La risposta mia è dipende… Ma da cosa? Parliamone soddisfacendo le seguenti condizioni qui giù:

Avete un offerta di lavoro che vi paga anche un bonus in denaro

Avere trovato un lavoro che vi paga un bonus:

Avere trai benefit un Bonus di 1000 – 2000 pounds per iniziare a lavorare per la nuova azienda?

  • Vi serviranno comunque i soldi da anticipare per pagarvi il volo aereo (dai 40 ai 100 pounds).
  • L’affitto (a Londra va dai 1200 ai 2000 pounds al mese dipendentemente da quanto è grande la casa e da dove si trova),
  • La council tax ,(165 pounds )
  • I mezzi di trasporto e il mangiare durante il primo mese(60 pounds l abbonamento mensile se sei a Oxford, A Londra può arrivare ai 150 al mese. 400 pounds, sono più che abbastanza per mangiare durante il primo mese, comprando dal supermercato)
  • Un eventuale biglietto di ritorno in caso le cose non vadano come sperato (40-100 pounds).

Inoltre sarebbe meglio avere una piccola somma di emergenza corrispondente ai 500 euro in caso di imprevisti

2000 euro saranno abbastanza per coprire tutto il resto delle spese, come l affitto e la council tax.

Totale: Nel migliore dei casi 40 (se l aereo e prenotato 6 mesi in anticipo o a prezzi bassi)+ 550 pounds per una stanza che include la council tax, in caso di una stanza condivisa con altre persone)+150 (bus a Londra) + 400 (soldi destinati al cibo).

Dai 1140 pounds in su nel migliore dei casi + 500 pounds per emergenze varie, sono necessari per organizzarvi il primo mese in Inghilterra, soldi che vi saranno restituiti in base al bonus che vi sarà offerto dalla azienda che vi assumerà.

Come vedete dipende dalle vostre esigenze personali.

Io personalmente vi consiglio di portare con se almeno i soldi necessari per coprire le spese almeno per il primo mese di assunzione in Inghilterra.

Previsione di vitto e alloggio

In questo caso le spese che riguardano il cibo e l affitto possono essere rimosse, pertanto il totale dei soldi da portare con se di riduce anche partendo dai 190 pounds + 500 eventuali di emergenza.

Esigenze familiari

trasferirsi all estero

Dipendentemente dalle esigenze familiari i soldi che possono essere previsti al trasferimento possono aumentare anche di molto.

Chi per esempio ha dei bambini, avrà altre tipologie di spese che non copro in questo articolo, ma da tenere presenti per trasferirsi.

Un esempio può essere fare il passaporto a tutta la famiglia, comprare i biglietti d aereo per tutta la famiglia, trovare una casa in affitto (che e’ piu care rispetto ad affittare 1 stanza per 1 persona), la scuola ed il baby-sitting.

Tutti questi sono fattori da considerare e ricercare prima di trasferirsi all’estero

Lasciare tutto e trasferirsi per trovare lavoro

trasferirsi all estero

In questo caso direi che dovrete avere più soldi in anticipo rispetto a tutte le altre situazioni.

Non solo dovrete pagare l affitto per trovare una stanza in Inghilterra. Dovrete trovare una stanza che si affitta solo per 1 mese(con l eventualità di trovare un altra stanza il mese successivo, nel caso si trovi lavoro).

Pagherete tutto di tasca vostra con la speranza dopo 1 mese di aver trovato un lavoro che possa garantirvi di pagare il secondo mese di affitto + le altre spese mensili che corrispondono al cibo, trasporti + 500 di emergenza.

Dire una somma assoluta e davvero difficile perché varia da persona a persona e da necessita in necessita.

In generale l ideale e avere con se dai 2000 ai 2500 pounds per il primo mese per trasferirvi in sicurezza.

Ho letto storie di persone che sono riuscite a trasferirsi anche con molto meno con successo e trovando lavoro in Inghilterra.

Non penso che questo caso debba essere paragonato alla maggioranza dei casi, in quanto partire senza nulla può essere davvero rischioso ed immaturo nel caso le cose non vadano come previsto.

In Inghilterra c’è moltissimo lavoro, in generale, ma molte possono essere le imprevedibilità.

Più si e capaci di prevederle e maggiore saranno le vostre possibilità’ di successo.

Studiare all’estero

trasferirsi all estero

Credo che questo sia la situazione più costosa in assoluto, se non vieni in Inghilterra, avendo vinto una borsa di studio.

La borsa di studio può pagare, vitto e alloggio per alcuni studenti. per altri 1 escludendo l altro.

Per chi invece deve pagarsi tutto, deve considerare che alle spese personali si devono aggiungere quelle universitarie e l impossibilita di lavorare full-time per la maggioranza.

A meno che tu non sia un rockstar! Personalmente lo trovo impossibile.

In questo caso avrete solo costi e poco se non nessuna entrata. Il che vi può portare a necessitare u budget che va dai 15-25 mila pounds annuali che coprono le spese universitarie annuali, alloggio, cibo e trasporto.

Trasferirsi all estero – CONCLUSIONE

Trasferirsi all estero può costare moltissimo, ma anche molto poco. Dipende da te.

Avete bisogno di aiuto per la creazione di CV e Cover Letter lavorativi in Inglese, di consulenza lavorativa e career coaching?

Vi raccomando di dare un occhiata ai nostri servizi, offerti nella sezione Servizi di questo blog.

Quale è stata la vostra esperienza trasferendovi all’estero? Come e’ stata la vostra esperienza? Mi piacerebbe anche voi condividesse altri consigli per pianificare il budget di denaro necessario per trasferirsi e coprire altre situazioni che magari non ho coperto in questo articolo.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail