Tennis in Inghilterra per un Italiano – La mia esperienza

Tennis in Inghilterra per un Italiano – La mia esperienza

INTRODUZIONE

tennis in Inghilterra

Giocare a tennis in Inghilterra dopo essersi trasferiti dall’Italia è importante per continuare la propria passione e hobby sportivo.

Quando ci si trasferisce all’estero essendo un giocatore o un appassionato giocatore di tennis, la paura è di non trovare lo stesso ambiente che ci si ha in Italia e perdere l’allenamento ottenuto con tanti sacrifici ed in tanti anni di pratica.

Io stesso sono un grande appassionato del tennis giocato e quando ero in Italia lo praticavo molto spesso.

La comunità che si era creata nel paesino dove vivevo vicino Bari era meravigliosa.

Giocare a tennis ti fa conoscere tanta bella nuova gente che svolge uno sport salutare e con una salutare competizione.

Alcuni di noi, oltre ad giocare per passione, partecipa anche tornei sociali di livello basso o elevato.

Cosa succede quindi quando ti trasferisci in Inghilterra al tuo hobby più amato?

COSA SUCCEDE QUANDO TI TRASFERISCI ALL’ESTERO?

tennis in uk

Quando ti trasferisci all’estero, le priorità iniziali diventano la sistemazione nella nuova città dove vivrai e ambientarsi nel periodo iniziale nel vostro ambiente di lavoro.

Il tennis diventa una seconda priorità inizialmente.

Il vostro desiderio rimane però quello di informarsi sulla vita tennistica nella nuova città dove vorrete giocare.

In Inghilterra il tennis è molto giocato e praticato.

Lo shock più grande per me è stato notare le differenze di clima tra Italia e Inghilterra.

In italia, giocare all’aperto era una situazione ovvia e organizzarsi giorni in anticipo per allenarsi era facile e prevedibile per quanto riguarda il tempo e la buona riuscita dell’allenamento.

In Inghilterra invece il tempo è imprevedibile e spesso piovoso.

La pioggerellina inglese non è come a quella italiana, quindi molte volte ti sarà anche permesso giocare senza stravolgere il modo in cui la palla rimbalza sul campo.

Tuttavia i rischi di lesioni e incidenti in campo aumenta sproporzionatamente.

I campi sono spesso scivolosi e diventa difficile allenarsi come si deve in routine.

In inverno, il clima è più freddo di come lo era in sud italia (ovviamente), il quale rende meno motivante giocare all’aperto.

Per fortuna ci sono anche molti centri dove è possibile giocare a tennis al chiuso.

Giocare a tennis all’aperto costa tuttavia molto poco anche in Inghilterra.

1 ora di gioco mi costava 6 pounds (7 euro).

In italia 1 ora di gioco mi costava pure 5-6 euro circa, poca differenza insomma.

Al chiuso le cose sono leggermente diverse.

In Inghilterra ci sono pure molti centri dove è possibile giocare a tennis al chiuso.

In particolare c’è un centro chiamato David Lloyd, dove ci sono campi da tennis al chiuse ed è possibile prenotare allenamenti e giocare a tennis con i membri del circolo.

Il contro per quanto mi riguarda erano i costi:

L’abbonamento mensile è di 120 euro circa dove è possibile utilizzare la palestra, ma anche usufruire die campi da tennis con prezzi da socio.

Tuttavia si paga anche per giocare a tennis una quota di circa 6 euro aggiuntivi per ogni partita/allenamento ulteriore con maestri.

Se il vostro obiettivo sarà di risparmiare soldi lavorando in Inghilterra, sarà leggermente più complicato, considerando i prezzi.

In Inghilterra le persone sono meno socievoli rispetto all’Italia.

Per questo motivo ho notato essere più complicato trovare un amico con cui giocare più frequentemente a tennis.

Giocare a tennis è possibile, tuttavia nel mio caso i costi, le condizioni climatiche e il diversamente essere socievoli da parte degli inglesi hanno influenzato negativamente sulla pratica di questo sport.

Questo vuol dire che in Inghilterra non giocherai a tennis? No assolutamente. Magari giocherai anche di più.

Nel mio caso però questo non è successo, anzi, purtroppo ho ridotto la frequenza dei miei allenamenti.

Tutto dipende alla fine alla priorità che date al tennis quando vi trasferite all’estero.

Conosco persone che hanno continuato a giocare con la stessa frequenza di prima e altre che invece come me hanno ridotto la pratica degli allenamenti per le condizioni sopra menzionate.

LA MIA ESPERIENZA

tennis in inghilterra

Quando mi sono trasferito in Inghilterra avevo da poco finito di giocare ad un torneo sociale nella mia città’ dove mi ero piazzato tra i primi 8 del torneo e secondo nel torneo di consolazione.

Giocavo almeno 3 volte alla settimana e la voglia di continuare e fare anche meglio c’era anche dopo essermi trasferito.

Quando mi sono trasferito, mi sono subito iscritto ad ogni gruppo Facebook dove potenzialmente potessi trovare altri giocatori interessati a fare due palleggi.

Ho anche cercato su Google dove poter giocare a tennis nella mia area.

Ho trovato senz’altro tantissimi campi da tennis e circoli nella città’ dove vivevo (Oxford).

Purtroppo però ho notato grandi difficoltà a trovare giocatori con cui giocare costantemente.

Inizialmente sono riuscito a giocare 1 settimana si e 1 no.

Poi ho seguito un corso di tennis che si svolgeva la mattina di sabato.

Lo frequentavo quando non lavoravo in quel giorno.

Nel campo da tennis chiedevo ad altri giocatori se fossero stati interessati a giocare qualche volta al di fuori del corso.

Alcuni mi dicevano di si e poi mi scrivevano su Facebook di essere occupati e con altri invece riuscivo a giocare un paio di volte per poi non vederli più spesso in campo.

Inevitabilmente questo ha rallentato e ridotto i benefici del duro allenamento fatto in italia nel precedente anno.

Attualmente avendo anche preso più’ peso , a cui sto lavorando per perderlo, sto fermo dal mondo del tennis giocato da circa 2 anni.

Fortunatamente ora sono in Italia e la comunità tennistica qui e ‘molto più’ accesa di quanto lo fosse personalmente stato in Inghilterra.

Non appena perdo abbastanza peso da non essere a rischio di infortuni (Ne ho persi 14 kg attualmente, ma la strada è ancora lunga), riprenderò’ a giocare!

Con questo non voglio dire che una volta in Inghilterra non giocherete più a tennis!

Voglio solo dire che il mio approccio italiano in Inghilterra non ha dato gli stessi risultati nel Regno Unito.

Inoltre iniziando a lavorare pesantemente, era praticamente impossibile per me mantenere gli stessi ritmi con gli allenamenti come facevo in Italia.

CONSIGLI

tennis in Inghilterra

Per garantirti la possibilità’ di giocare a tennis in Inghilterra in concomitanza dei vari impegni lavorativi che avrai, ti consiglio di iscriverti in circoli (purtroppo abbastanza costosi) come David Lloyds. Loro ti troveranno altri giocatori adatti al tuo livello e disponibili quando deciderai di giocare.

L’abbonamento mensile al centro sportivo costa 130 euro al mese più i 6 euro ogni volta che giocherai.

Secondo la mia esperienza questo sarebbe l’unico modo di garantire una continuità di allenamenti.

Dipendentemente dal lavoro che avrai potrai facilmente o meno permetterti una spesa mensile del genere.

CONCLUSIONE

Spero con questo articolo di essere stato d’aiuto a coloro che si chiedono come e’ stata l’esperienza di giocare a tennis da parti di qualcuno che si e’ trasferito per oltre 5 anni in Inghilterra.

Ovviamente , dovresti prendere con le pinze la mia esperienza, in quanto e’ un esperienza soggettiva.

Mi farebbe, infatti molto piacere se qualcuno abbia avuto un esperienza migliore della mia e potesse dare consigli ai nostri lettori su come muoversi per non ridurre o abbandonare questo sport meraviglioso.

Sono inoltre disponibile a rispondere a ogni vostra eventuale domanda in merito.

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Fare amicizia in Inghilterra – La mia esperienza e consigli

Fare amicizia in Inghilterra – La mia esperienza e consigli

fare amicizie all'estero

In questo articolo vi parlerò della mia esperienza nel fare amicizia in Inghilterra e i consigli per creare il vostro network nel breve-lungo periodo.

Ho vissuto personalmente 5 anni all’estero(In Inghilterra) e queste, sono metodologie che ho applicato personalmente.

Fare amicizia all’estero può non essere semplice quando non conosci la cultura del posto che vi ospita.

I ritmi lavorativi potrebbero giocare a vostro sfavore, soprattutto nell’ essere nel posto giusto al momento giusto.

LA MIA ESPERIENZA NEL FARE AMICIZIE IN INGHILTERRAfare amicizie in Inghilterra

Quando mi sono trasferito in Inghilterra la prima volta, ricordo di aver cercato di trovare su Facebook altri colleghi che avrebbero iniziato a lavorare per la stessa azienda.

Ho postato un messaggio su Facebook, in un gruppo chiamato Italiani a Oxford facendo delle domande sulla vita in quella citta’.

Quando ho ricevuto alcune risposte, ho aggiunto alle amicizie molte di queste persone ed ho interagito più frequentemente con loro.

Tra le persone con cui ho interagito nel post che avevo scritto, c’erano alcune persone che sarebbero partite a breve come me nella loro avventura in Inghilterra.

Fu’ cosi che una volta in Inghilterra cercai di contattare queste persone ed incontrarle.

E fu anche cosi, che trovai il mio primo amico in Inghilterra.

Colui che diventerà che il testimone del mio futuro matrimonio (dopo 3 anni).

Iniziando a lavorare e casualmente frequentando, il mondo fuori dal lavoro, ho avuto modo di incontrare altri italiani.la mia esperienza

Ho incontrato persone che erano ad Oxford per studiare, lavorare o per imparare la lingua inglese

Esercitare la comunicazione in lingua inglese è stato un fattore reciproco stimolante e un per interagire con altri potenziali amici.

Non è stato difficile inizialmente conoscere nuova gente, soprattutto perché molti erano nella stessa mia situazione.

Chiunque si trasferisce si trova nella stessa situazione in cui sei tu. Questo rende le persone più aperte e disponibili.

E’ infatti più facile fare amicizie all’estero, con comunità internazionali , che forse in Italia dove molti gruppi sono formati e consolidati.

Fare amicizie inizialmente succede quasi automaticamente, diventa leggermente diverso nel medio lungo termine.

Col tempo, ci si tende a consolidare alcune amicizie e ad essere più selettivo.

Fu’ esattamente quello che successe a me.

Mi trovai dopo 1-2 anni di permanenza a frequentare più spesso i miei ormai storici 3-4 amici.

Il primo anno invece avrò frequentato probabilmente oltre 10-15 persone.

Uno scoglio che si presente nel tempo è la mobilità di coloro che si trasferiscono.

Dopo 2 anni di permanenza, alcune persone decidono e pianificano di restare più a lungo.

Alcuni purtroppo decidono di tornare in Italia.

E’ cosi che molte delle belle amicizie create, decidono di tornare vicini alla propria famiglia

Ti ritrovi cosi con meno amici rimasti attorno a te e la malinconia che prende piede e fa riflettere sui propri piani.

Rifletti sulla tua situazione e la famiglia che è lontana ormai da tempo.

Contattavo spesso la mia famiglia tramite video chiamata.

Sicuramente ha facilitato non poco le cose, rendendo più leggera la sensazione di lontananza.

Per fortuna di li a poco, tutto inizia a prendere un ottima piega.

Ho incontrato colei che sarebbe diventata di li a 2 anni la mia attuale moglie!

Iniziammo a frequentare alcuni MEETUP e frequentare nuovi arrivati tramite i gruppi di espatriati su Facebook.

Meetup è un sito dove generalmente vengono organizzano incontri su specifici temi di aree di interesse collettivo (Business, hobbies, culturali, sociali).

In Inghilterra questo sito è molto usato anche per organizzare incontri tra espatriati internazionali.

In questo modo abbiamo incontrato tantissime altre persone fantastiche e stretto più intimamente amicizia con loro.

Nel gruppo di espatriati a Oxford, quasi ogni giorno c’erano persone disponibili ad incontrarsi per un drink o per chiacchierare.

In passato detestavo il pensiero di fare amicizie grazie ai social media.

Oggi credo che invece sia importante sfruttarli a nostro vantaggio.

 

LA MIA ESPERIENZA NEL FARE AMICIZIE IN ITALIA DOPO 5 ANNI IN INGHILTERRA

Dopo aver vissuto 5 anni in Inghilterra abbiamo deciso finalmente di tornare a vivere e lavorare in Italia.

Tornare in Italia, spesso significa ricominciare di nuovo, una nuova vita.

I tuoi veri amici ti aspetteranno a braccia aperte.

Ti rendi conto di quanto anche loro sono cambiati nel tempo.

Essendomi trasferito in Italia con mia moglie, di nazionalità Russa, ho reputato molto importante, creare nuove amicizie e restare in contatto con gli espatriati in Italia.

Ho scoperto anche che le metodologie utilizzate in Inghilterra per conoscere nuove persone, sono in realtà validissime anche in Italia.

Ci siamo entrambi iscritti nei gruppi degli espatriati nella nostra regione e messo in contatto con molte nuove persone.

Ho riscoperto dopo tanti anni quanto sia importante creare un network di buoni amici attorno.

I veri amici sono come una famiglia. Gli amici ci sono sempre nei momenti belli e brutti.

Tutti hanno bisogno di amici sinceri a colorare la propria esistenza.

FARE AMICIZIA IN INGHILTERRA – I MIEI CONSIGLI

Ricapitolando, è molto importante, sia per chi si trasferisce all’ estero che per chi torna in Italia curarsi del proprio giro di amicizie.

All’estero più che in italia funziona molto bene, frequentare gruppi di eventi sul sito meetup.com.

In italia questo gruppo non e’ frequentato come in Inghilterra.

Iscriversi nei gruppi Facebook di espatriati presenti nella zona dove vi trasferirete è molto valido sia in Italia che in Inghilterra (credo personalmente in tutto il mondo).

Quando ho viaggiato a Mosca Russia e a Stoccolma, in Svezia, in entrambe le nazioni c’erano gruppi Facebook di espatriati italiani ed internazionali.

Consiglio vivamente l’utilizzo dei social media per fare amicizia all’estero in quanto , anche se è possibile fare amicizie anche uscendo ed essendo casualmente in contesti sociali, non necessariamente sarà efficiente nel breve periodo.

CONCLUSIONE

Fare amicizia in Inghilterra è possibilissimo, con la giusta proattività.

In nazioni come l’ Inghilterra, peraltro ci sono tra le più grandi comunità di espatriati al mondo.

Sapere quali mezzi utilizzare oggi può certamente aiutare e velocizzare il processo di inclusione e adattamento che spesso è sfidante per tutti coloro si trasferiscono all’estero per vivere e lavorare.

I gruppi di Facebook di espatriati possono essere una grande opportunità.

Lo è certamente stato per me.

Ho conosciuto uno dei miei amici anche nella lavanderia che frequentavo.

Con questo voglio dire che uscire ed esporsi, in qualsiasi circostanza, è un fattore importante per fare amicizia in Inghilterra.

Spero che questo articolo sia stato utile ad alcuni di voi.

Quale è stata la vostra esperienza in merito al fare amicizie all’estero. Sarebbe molto utile ampliare ciò che ho scritto con i vostri consigli ed esperienze.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail