Quali difetti da dire e come in un colloquio

Quali difetti da dire e come in un colloquio

difetti da dire ad un colloquio

Spesso ci si trova nella situazione in cui dover spiegare quali difetti da dire ad un colloquio e come farlo.

Questa domanda viene spesso fatta come una delle ultime, ha lo scopo appunto di valutare 2 caratteristiche:

  • Come reagisce la persona in un momento di difficoltà e sfida
  • Quali sono i difetti del candidato e come questo potrebbe contribuire nel performare in azienda.

In questi articoli vi spiego cosa rispondere e come reagire a questa domanda in modo tale da fare un ottima impressione.

Svolgere un colloquio richiede l’abilità di saper vendere al meglio delle tue possibilità, le tue skills.

LE DOMANDE CHE POSSONO CAPITARE SUI PREGI E DIFETTI E COSA RISPONDERE

difetti da dire ad un colloquio

Le domande che possono capitarvi in generale, che girano attorno all’argomento sui pregi e difetti  sono le seguenti:

Perché dovremmo scegliere proprio lei per questa posizione lavorativa?

In questa domanda dovreste sottolineare le caratteristiche di forza della tua personalità che possibilmente sia quella ricercata per quella posizione lavorativa.

Per fare questo è importante prima di ogni colloquio leggere molto attentamente la job description, ovvero la descrizione delle caratteristiche ricercata dall’azienda sul candidato ideale.

Un esempio potrebbe essere il seguente:

Dovreste scegliere me in quanto sono una persona a cui riesce molto bene guidare e organizzare un team. Nella precedente pozione ……. ho guidato un team di … persone e portato a termine con successo i progetti sul quale abbiamo lavorato.

E cosi via, con le altre caratteristiche di forza…

Quali sono i tuoi punti di forza e di debolezza?

Questa domanda può essere percepita come domanda trabocchetto. In effetti lo è…

Nella prima parte rimane sull’onda della prima, ovvero invita a parlare degli aspetti positivi della tua personalità in virtù delle caratteristiche ricercate nella posizione lavorativa.

La seconda parte è la più difficile da rispondere se non preparati in anticipo.

Quando devi parlare dei tuoi difetti, è importante pensare a come hai reagito per risolverli o per mitigare il problema per raggiungere il tuo obiettivo finale.

E’ per questo che è fondamentale, rispondere intelligentemente a questa domanda.

Una risposta intelligente potrebbe essere una cosa simile

(La prima parte della domanda la ometto in quanto è stata già risposta nella prima domanda. Il concetto è simile. Mi limiterò a rispondere sulla seconda parte):

“…… invece uno dei miei difetti è stato all’inizio del mio lavoro come infermiere in medicina generale, quello di non gestire efficientemente il mio tempo.

Per risolvere questo problema, ho chiesto al mio collega senior di spiegarmi come migliorare questa lacuna e ho seguito un corso online sul time management che mi ha permesso nel giro di pochi mesi di migliorare questa abilità e di diventare un punto cardine per i miei colleghi di reparto

Qual è il tuo tallone d’Achille?

Questa domanda si riferisce a quale sia il tuo punto debole.

Si riferisce appunto a quale sia il tuo punto debole o difetto. E’ una domanda furba e può essere risposta con intelligenza, pensando appunto ad un difetto che allo stesso tempo può manifestarsi come punto di forza.

Mi spiego meglio con questo esempio:

Il mio tallone d’Achille è di essere una persona emotiva.

Ci tengo molto a lasciare un ottima impressione ai miei colleghi… e quando c’è un fraintendimento, tendo momentaneamente ad essere un giù di morale.

 Tuttavia, trovo sempre il modo di discutere apertamente con i miei colleghi in modo tale da risolvere il problema e costruire un migliore rapporto professionale

Mi dica per favore 3 aggettivi che rispecchiano i tuoi pregi e difetti e me li spieghi successivamente

La risposta sarebbe sulla stessa dinamica della prima e la seconda.

La differenza, si manifesta nell’esprimere piu aggettivi che raffigurano pregi e difetti del candidato al colloquio di lavoro.

In questa domanda, si deve rispondere pensando appunto a 3 pregi e soprattutto 3 difetti, che successivamente trasformeremo in punti di forza come nell’esempio che ho scritto come risposta sulla domanda sul tallone d’Achille.

Quali risultati hai raggiunto nelle precedenti posizioni lavorative in cui hai lavorato?

Questa domanda richiede appunto di spiegare quale precedente risultato positivo hai raggiunto, di cui sia rilevante parlare in sede di colloquio.

Innanzitutto è importante sottolineare un esperienza che abbia avuto un risultato tangibile sul completamento di un progetto/lavoro.

Un esempio potrebbe essere su per giù cosi:

Durante la mia ultima esperienza lavorativa all’azienda ………..

Mi è stato affidato un progetto sfidante da completare con scadenza entro 2 settimane.

Inizialmente ho informato il mio superiore, che la scadenza era molto difficile da raggiungere, ma il progetto aveva una enorme priorità e importanza per l’azienda.

Ho deciso di lavorare dando del mio meglio e ottimizzando la massimo il mio tempo, facendo domande quando necessario e sono riuscito a completare con successo con un anticipo di 2 giorni e con grande soddisfazione del cliente e del mio superiore

Fammi un esempio in cui, in passato hai lavorato sotto pressione e come ti sei comportato di conseguenza.

In questa domanda è possibile rispondere su per giù similmente alla precedente. Il punto cardine su cui focalizzarsi è di dover spiegare una esperienza dove siete stati capaci di risolvere una situazione con successo.

Il beneficio realizzato si potrebbe manifestare in differenti scenario.

Per esempio in un maggiore team building, una risoluzione positiva tangibile del progetto, la continuità di un servizio, il mancato manifestarsi di un rischio previsto, etc.

L’IMPORTANZA DELL’ATTITUDINE ALLA RISOLUZIONE DEI DIFETTI

difetti da dire ad un colloquio

L’attitudine che mostri nel rispondere, non si manifesta solo tramite il linguaggio verbale ma soprattutto con il linguaggio non verbale.

Cerca di fare pratica di public speaking, cerca di evitare il mumbling, ovvero, fare pause durante la conversazione dove si fanno versi come eee… mmm.. etc.

Per non parlare di vestire in maniera adeguata al colloquio di lavoro sul quali siete intervistati, la confidenza nel rispondere, il contatto visivo e la stretta di mano una volta arrivati.

CONSIGLI FINALI E CONCLUSIONE

difetti da dire ad un colloquio

E’ fondamentale, ancor prima di prepararsi a come rispondere alle domande sui pregi e difetti, di leggere bene la descrizione dell’offerta di lavoro.

Questo vi permetterà di essere consapevoli di quali sono le soft skills e hard skills richieste per svolgere al meglio il vostro colloquio.

Vi permetterà di conseguenza, di rispondere con esempi intelligenti e targettizzati alle caratteristiche richieste in sede di colloquio di lavoro.

Avete bisogno di aiuto per la creazione di CV e Cover Letter lavorativi in Inglese, di consulenza lavorativa e career coaching?

Vi raccomando di dare un occhiata ai nostri servizi, offerti nella sezione Servizi di questo blog.

Spero che questo articolo possa esservi utile per affrontare i prossimi colloqui di lavoro.

ARTICOLI CORRELATI

https://www.corrisberto.it/colloquio-di-lavoro/

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail