Come meglio prepararsi ad un colloquio di lavoro con successo

Come meglio prepararsi ad un colloquio di lavoro con successo

prepararsi ad un colloquio di lavoro

In questo articolo vi spiegherò come prepararsi ad un colloquio di lavoro , per raggiungere il vostro obiettivo principale.

Innanzitutto è fondamentale analizzare step by step cosa un colloquio richiede

E’ importante spiegare gli step coinvolti in un colloquio,  per poi analizzare come prepararsi ad ogni evento che vi si presenterà.

Prepararsi per un colloquio, inizia dalla ricerca iniziale del lavoro e quindi dall’analisi della descrizione del lavoro, le responsabilità richieste, eventuali link presenti che riportano ad un sito web aziendale da visionare.

DA QUANTI STEP E’ FORMATO UN COLLOQUIO DI LAVORO?

Un colloquio può essere formato da 2 o più step, dipendentemente dall’azienda dove applicate. Di solito un azienda di piccole-medie dimensioni svolge l’intera procedura selettiva in 2 diversi colloqui, quello conoscitivo e quello tecnico.

Altre aziende di medie – grandi dimensioni svolgono gli stessi colloquio anche in 3-4 steps. Questo accade per esempio in aziende come Google, Spotify. Meta, Amazon.

Questi step sono suddivisi appunto dal colloquio conoscitivo, da un primo colloquio che analizza il problem solving del candidato, ad un altro più tecnico.

In alcuni casi ci sarebbe anche un quarto per accertarsi delle conoscenze linguistiche, se necessario e fondamentale per la posizione pubblicizzata.

COME RICERCARE LAVORO PRIMAD I PREPARARSI AD UN COLLOQUIO?

colloquio di lavoro come prepararsi

Per ricercare lavoro ci sono molti sistemi a disposizione tra cui:

  • Inviare il curriculum online alle agenzie di reclutamento
  • Di persona il curriculum alle stesse agenzie
  • Creare un profilo Linkedin, Glassdoor, Indeed Jobs e inviare le candidature a direttamente alle aziende tramite email e sezione contatti dei loro siti web corrispettivi

Il Curriculum vitae deve essere targettizzato per ogni candidatura che fate.

Non è consigliabile mandare lo stesso curriculum a tutte le aziende. Per questo è fondamentale leggere bene le job description e le mansioni riportate nell’ offerta lavorativa.

L’invio della lettera di presentazione è anche uno strumento sottovalutato molto che le aziende apprezzano.

E’ il modo con cui l’aziende inizia a comprendere chi sei e la tua motivazione

Se fatto bene può essere un enorme vantaggio rispetto agli altri candidati che invece non lo inviano.

DOPO AVER INVIATO IL PROPRIO CURRICULUM, QUANTO TEMPO CI VUOLE PER ANALIZZARE E RICEVERE UNA RISPOSTA ?

Dai 2-3 giorni a pochi mesi in altri casi anche 1 o più mesi. Alcune volte le aziende decidono di attendere prima di avviare la revisione delle candidature, per cui è importante essere pazienti.

Non è consigliabile ricontattarli in questa prima fase.

Un ottimo strumento che può facilitare il processo di monitoraggio delle vostre candidature, sarebbe di crearvi un file Excel, dove scrivere il nome dell’azienda, la data di applicazione, data in cui ci si è contattati, fase del colloquio e opzionale anche la RAL richiesta / offerta

QUANTI CV RICEVE UNA AZIENDA IN MEDIA, IN ITALIA?

prepararsi ad un colloquio di lavoro

La risposta varia a seconda delle dimensioni dell’azienda.

Una piccola azienda riceve in media dai 5 ai 20 curriculum, mentre in aziende medie – grandi , ricevono anche molto oltre i 100 curriculum

COME VENGONO ANALIZZATI I CURRICULUM QUANDO I CANDIDATI SONO MOLTI?

Le agenzie di reclutamento per far fronte alla prima scrematura di centinaia di candidature, proseguono con la scansione dei curriculum per keyword.

Per questo motivo è importante targettizzare ottimamente la propria candidatura per l’offerta di lavoro richiesta con le keyword richieste.

SU COSA PREPARARSI AD UN COLLOQUIO DI LAVORO?

Bisogna prepararsi sulle soft e sulle hard skills.

Le cosiddette soft skills misurano in poche parole l’attitudine, la leadership, la flessibilità, comunicazione del candidato e la propensione di lavorare in un team e con la cultura aziendale specifica.

LA JOB DESCRIPTION , LE ABILITA’ ED ESPERIENZE RICHIESTE PER UN COLLOQUIO

colloquio di lavoro come prepararsi

Leggere attentamente la descrizione dell’offerta lavorativa, permette non solo la consapevolezza di come ci si incontra con le esperienze richiesta, ma di enfatizzare e pianificare il nostro colloquio per dimostrare la adesione a quanti più requisiti possibili.

Conoscere bene quale siano le abilità ed esperienze richieste ci permetterà di pianificare la nostra preparazione in modo tale da essere più confidenti durante il colloquio di lavoro.

COME VERSTIRSI AD UN COLLOQUIO?

Il modo in cui vestirsi ad un colloquio dipende dalla mansione di lavoro per cui ci si è candidati.

E’ possibile comprendere queste informazioni spesso anche dal sito aziendale, visionando appunto la galleria foto scattate durante i meeting aziendali.

Mentre alcune professioni lavorative richiedono un abbigliamento più casual, altre richiedono tassativamente l’utilizzo di costumi o addirittura abbigliamento specifico.

L’IMPORTANZA DEL BODY LANGUAGE (LINGUAGGIO NON VERBALE)

Secondo le percentuali di Mahrabian, il 55% dell’efficacia dipende dal linguaggio non verbale.

Il tono di voce, rappresenta il 38% e quello che si dice solo il 7%.

L’IMPORTANZA DELL’ESPERIENZA IN UN COLLOQUIO DI LAVORO

colloquio di lavoro come prepararsi

A parità di qualità di curriculum, un candidato con più esperienza commerciale di lavoro nel settore è molto più valutato rispetto a chi ne ha meno.

Nel caso tu sia un neolaureato o diplomato, sarà fondamentale ottenere quella esperienza a tutti i costi per competere nel mercato del lavoro.

Renderà molto più semplice e appetibile il vostro curriculum in futuro.

Sarà molto più semplice, sia trovare lavoro, che cambiare azienda in futuro nel caso lo volessi.

COSA FARE SE NON CI SI HA ESPERIENZA ED E’ IL VOSTRO PRIMO IMPIEGO?

Se non avete esperienza lavorativa è consigliato fare esperienza all’estero per qualche anno.

Sarà molto più facile trovare in futuro lavoro in Italia, avendo un esperienza internazionale.

La conoscenza della lingua inglese è diventato oggi uno dei requisiti più richiesti ed importanti per lavorare e fare carriera in un azienda di media – grande dimensioni.

COSA FARE SE NON RIESCO A OTTENERE IL POSTO DI LAVORO DESIDERATO?

trovare lavoro

Fondamentale è non demordere, essere determinati e accettare un no.

Solo grazie al fallimento, riusciremo a imparare dagli errori. Fare i colloqui sarà una palestra per il nostro cervello.

Nella mia personale esperienza, fallire a tanti colloqui, mi ha permesso di acquisire la confidenza e migliore capacità di rispondere in maniera più intelligente alle stesse tipologie di domande.

Questo perché ho avuto modo di prepararmi a fondo sulle stesse, lavorando meglio sul pitch di me stesso.

CONCLUSIONE

Svolgere un colloquio di lavoro richiede la capacità di saper vendere bene se stessi.

Con la pratica, questo verrà semplice.

Mi auguro che questo articolo possa incoraggiare molto di voi.

Cosa avete imparato dallo svolgimento dei colloqui di lavoro.

Cosa pensate che possa essere utile per garantire il successo? Sono curioso di leggere i vostri commenti.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Come prepararsi impeccabilmente ad un colloquio conoscitivo di lavoro

Come prepararsi impeccabilmente ad un colloquio conoscitivo di lavoro

colloquio conoscitivo

Prepararsi efficacemente ad un colloquio conoscitivo, richiede impegno e strategia.

In questo articolo vi spiegherò come prepararsi impeccabilmente ad un colloquio di lavoro.

Quando si è alla ricerca di lavoro ed aver applicato per le posizioni desiderate è possibile che riceverete una mail oppure una chiamata per fissare un colloquio conoscitivo.

In questo caso, nella maggior parte dei casi dovrete affrontare diversi step:

  • Il colloquio conoscitivo
  • Il colloquio tecnico

La prima tipologia è un intervista che ha lo scopo di conoscere te come persona, le soft skills, la tua educazione e le esperienze lavorative.

E’ uno step altamente importante come per conoscere le tue abilità comunicative, di ascolto e di rapporto interpersonale.

E’ importante, comprendere la tua comprensione della realtà aziendale dove lavorerai, le condizioni lavorative e la cultura aziendale.

Inoltre, vengono discusse alcune potenziali incongruenze, o punti di attenzioni che sono emersi dal tuo curriculum vitae.

La seconda tipologia, invece, ha lo scopo di comprendere l’ allineamento del candidato alle abilità e alle competenze aziendali.

COME PREPARARSI AL COLLOQUIO CONOSCITIVO

colloquio conoscitivo

In maniera tale da prepararsi efficacemente ad un colloquio di lavoro, in vista dei potenziali 2 step, è importante prepararci strategicamente su quello che ci verrà chiesto.

Innanzitutto, come prima step, dovete informarvi bene dell’azienda per il quale lavorerete.

La maggior parte delle aziende possiede un sito web professionale, dove sono presenti i servizi, i prodotti creati e la loro visione e obiettivi raggiunti.

Sarebbe impressionante dimostrare di conoscere queste informazioni, in sede di colloquio.

E’ inoltre utile leggere attentamente la descrizione lavorativo, comprendente appunto le competenze richieste e le mansioni di lavoro svolte.

Rifletti su quali abilità attualmente possiedi e come giustificare quelle che non possiedi o in maniera non sufficiente in caso di domanda durante il colloquio.

Sarebbe utile comprendere quanto sia importante la conoscenze delle stesse prima di essere assunto e se ci sono opportunità di traning “on the job” (un periodo di onboarding, di affiancamento).

Se ci sono dei gap, incongruenze, punti di riflessioni che potrebbero saltare all’occhio del reclutatore, gioca in anticipo e prepara una risposta intelligente per le stesse.

ALTRETTANTO IMPORTANTE

Vestirsi appropriatamente alla posizione lavorativa che coprirai in sede di colloquio, è un altro aspetto da non sottovalutare.

Lo stesso vale con il saluto, la stretta di mano e il contatto visivo.

Conoscere bene le competenze e mansioni del lavoro che è richiesto, aiuterà a pianificare una strategia di preparazione, per rispondere ad eventuali domande ed esercizi in sede di colloquio.

Approfittatene per studiare, ancor prima di essere chiamati per un colloquio, quegli argomenti teorici e pratici che vengono comunemente chiesti.

Se non hai amici nel tuo stesso settore che possono aiutarti, vedi su internet , soprattutto su Glassdoor, quali sono le domande comunemente richieste per quella posizione, azienda o nel settore in generale.

Mostratevi calmi, entusiasti e focalizzati, non disperati, ansiosi e stressati.

Queste emozioni sono visibili facilmente con il linguaggio non verbale.

Ricordatevi che in ogni fase di colloquio, vi è richiesto se avete delle domande per il datore di lavoro.

Preparatevi delle domande che dimostrino il tuo interesse e motivazione alla posizione lavorativa.

Una domande del tipo “Come viene svolto il processo di onboarding di un nuovo assunto? C’è la possibilità di essere affiancati e di ricevere training durante il primo periodo di impiego?” è un ottima domanda.

Oppure “Quante persone fanno parte del team di lavoro nella posizione di …? Come è strutturata nella vostra azienda, una giornata tipo?”.

Dire di non avere domande, non è assolutamente positivo e potrebbe lasciar passare in alcuni casi, un non interesse nella posizione da parte vostra.

L’IMPORTANZA DI FARE ESPERIENZA NEI COLLOQUI DI LAVORO

colloquio conoscitivo

Questa preparazione può sembrare tediosa inizialmente, ma sarete sempre più preparati in futuro, man mano che fate esperienza dei colloqui di lavoro.

Ben venga se più volte non siete scelti per la posizione a cui avete applicato. Più volte svolgerete la tipologia di colloqui nel vostro settore, maggiore sarà la tua preparazione, sicurezza e confidenza a quelli futuri.

La determinazione è fondamentale per raggiungere il successo sperato.

COSA FARE SE IL COLLOQUIO DI LAVORO E’ ANDATO MALE?

colloquio conoscitivo

Nel caso in cui non siete chiamati successivamente al completare di tutte le fasi del colloquio di lavoro, oppure nel caso riceveste notifica di non essere stati scelti in questa occasione, sentitevi liberi di contattare l’azienda per ricevere dei feedback.

I feedback sono importanti per comprendere cosa è andato storto durante i colloqui.

Per comprendere su cosa potresti lavorare in futuro per migliorare le lacune che si sono presentate inizialmente.

Applicare a più lavori e fare esperienza nei colloqui sarà molto importante nella tua carriera lavorativa.

Ti permetterà di approcciare con molta più confidenza e sicurezza i futuri colloqui che ti si presenteranno nella vita.

Nella mia esperienza personale, ho svolto molti colloqui conoscitivi.

Ogni colloquio mi ha permesso di imparare non solo quali sono le domande più comunemente richieste, ma di mostrare più confortevolmente un linguaggio non verbale piu sicuro e positivo.

Conoscere le domande più comunemente richieste, mi ha anche permesso di rispondere più elaboratamente alle stesse, dimostrando confidenza e competenza ancora prima di essere assunto.

CONCLUSIONE

colloquio conoscitivo

La preparazione è l’arma più importante che potete utilizzare per affrontare con successo un colloquio di lavoro.

Seguendo i consigli spiegati in questo articolo, ti permetterà di ottenere la posizione lavorativa da te desiderata.

Succederà con certezza, che sia oggi o in futuro.

Chi molla perde, chi non molla vince. Questo detto vale nella vita ma soprattutto nei colloqui!

Spero che questo articolo possa avervi dato informazioni utili per preparare i vostri futuri colloqui lavorativi.

Quale è stata la vostra esperienza in merito? Cosa altro suggerite potrebbe essere utile per superare i colloqui di lavoro?

Discutiamone.

ARTICOLI CORRELATI

Le domande chieste spesso in un colloquio di lavoro

Come prepararsi per un colloquio di lavoro in inglese

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Come prepararsi per un colloquio di lavoro in inglese

Come prepararsi per un colloquio di lavoro in inglese

colloquio di lavoro in inglese

Prepararsi ad un colloquio di lavoro in inglese, può risultare molto tedioso.

Tuttavia è possibile renderlo un processo meno doloroso che può garantire risultati anche miracolosi.

Ne sono una prova vivente io.

Quando mi sono trasferito e lavorato per 5 anni in Inghilterra, il mio inglese era al minimo accettabile.

Voglio quindi in questo articolo mostrarvi come è possibile affrontare e superare i colloqui di lavoro in lingua inglese.

PREMESSE

colloquio di lavoro in inglese

In modo tale da prepararsi bene nell’arrivare al momento del candidarsi per un colloquio di lavoro in inglese, è consigliabile un minimo di preparazione.

Intanto è importante osservare le aziende per il quale ci si vuole candidare.

Oggi ci sono siti web come Glassdoor, gruppi Facebook, LinkedIn dove molte aziende sono presenti ed è possibile raccogliere molte informazioni sulle stesse.

In particolare su Glassdoor è possibile anche rimanere informati a riguardo di come sono stati i colloqui con le medesime aziende.

In altri casi è addirittura riscontrabile le domande e risposte che sono state fatte ai candidati.

Prenderne nota e prepararsi di conseguenza, non può che essere una mossa furba ed intelligente.

La prossima mossa importante, è di studiare il linguaggio del settore specifico.

Se per esempio il vostro obiettivo è di lavorare come medici, allora, lo studio del linguaggio medico inglese sarà importante per aumentare di molto il vostro successo.

Quando ho effettuato, personalmente i colloqui per diventare infermiere in Inghilterra, ho comprato un libro specifico sul linguaggio infermieristico in inglese.

La lettura dello stesso è stato fondamentale per avere un adeguata preparazione in vista dei colloqui di lavoro.

Nel mio caso, ho contattato agenzie di reclutamento specifiche del mio settore e le stesse mi hanno inviato tramite mail le più comuni domande e risposte chieste durante i colloqui tecnici.

Questo significa che molto spesso avrete il supporto da parte delle agenzie per superare i colloqui stessi.

D’altronde le agenzie ci guadagnano se superate i colloqui di lavoro.

IL FALLIMENTO DEI COLLOQUI COME SPINTA A PREPARARSI MEGLIO

colloquio di lavoro in inglese

Ho, personalmente fallito 5 volte ai colloqui di lavoro, a causa del mio inglese per ottenere la mia opportunità di lavoro a Oxford (peraltro in uno degli ospedali più prestigiosi al mondo).

Con questo voglio dirvi di non demordere e di considerare in anticipo la possibilità di non dover passare inizialmente i colloqui in lingua inglese.

Utilizzateli tuttavia come opportunità per prepararvi meglio. Se desiderate di lavorare per un azienda specifica, magari applicate ad un altra in un altra città o in un altro stato.

Utilizzare l’opportunità di essere intervistati in inglese è anche un opportunità di praticare il vostro inglese parlato e scritto, grazie all’invio di email tra le parti.

Un corso privato di inglese non sarebbe assolutamente da escludere, se ne avete la disponibilità economica.

CONSIGLI GENERALI PER MIGLIORARE IL TUO INGLESE

colloquio di lavoro in inglese

Per migliorare il tuo inglese è necessario lavorare su tutti i fronti della lingua. Scritto, parlato, lettura e ascolto.

Anche se, durante i colloqui l’ascolto e il parlato saranno quelli più importanti su cui concentrarsi.

  • Ascoltare video inglesi riguardanti il settore ricercato e film per familiarizzare con i suoni, gli accenti e le parole.
  • Leggi a voce alta un libro in inglese, poi traduci tutte le parole in italiano. Continuando noterai che progressivamente cercherai meno e meno parole e conoscerai molto più vocabolario, da sfruttare nel parlato.
  • Scriviti le potenziali domande che potrebbero esserti fatte, rispondi in un diario e leggi a voce alta tante volte, fino a quando sarai capace di parlare allo specchio senza vedere lo scritto.

Questo è quello che ha realmente funzionato per me, non solo prima ma anche durante la mia permenenza in Inghilterra.

Quando partirai per l’inghilterra, gli USA o altrove, sarai facilitato, in quanto sarai esposto 24 ore su 24 alla lingua inglese.

La realtà è che più sarete preparati, prima di partire per lavorare all’estero, meglio sarà la vostra esperienza e transizione iniziale.

Per me è stato abbastanza scioccante, dover migliorare in pochi tempi il mio inglese a tali livelli.

E’ stato tuttavia pericoloso nel mio lavoro, non poter capire spesso come mi venisse chiesto.

Per fortuna in inghilterra quando ci si inizia a lavorare come infermieri, si viene affiancati per 2 mesi da una figura più senior.

Questo mi ha consentito proattivamente di praticare e migliorare il mio inglese a tal punto da essere diventata ora la mia seconda lingua.

QUALI DOMANDE VENGONO DI SOLITO CHIESTE IN FASE DI COLLOQUIO CONOSCITIVO

colloquio di lavoro in inglese

Le domande che di solito vengono fatte durante i colloqui conoscitivi, in realtà sono abbastanza similari a quelle che vengono fatte durante i colloqui italiani:

“Hello Mr ……, could you please talk through your education and work experience?”

“Tell me about a conflicting situation and how did you manage to solve it?”

“Could you please tell me, what are you strengths and weaknesses?”

“Why do you love being a …….(job position) ?”

“What are your goals for the next 5 years?”

CONCLUSIONE

colloquio di lavoro in inglese

Spero che questo articolo possa esservi utile per prepararvi ai colloqui di lavoro in lingua inglese.

Quale è stata la vostra esperienza in merito? Sono curioso di leggere la vostra esperienza.

ARTICOLI CORRELATI

https://www.corrisberto.it/colloquio-di-lavoro/

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Le domande chieste spesso in un colloquio di lavoro

Le domande chieste spesso in un colloquio di lavoro

Quando si è alla ricerca di una occupazione lavorativa è molto importante poter prepararsi sulle comuni domande che vengono chieste in un colloquio di lavoro.

Ebbene si, nei colloqui di lavoro ci sono delle domande che vengono comunemente chieste a cui si dovrebbe saper rispondere.

Prepararsi a rispondere alle domande inerenti le soft skills hanno un grande peso sul risultato complessivo di ottenere il lavoro desiderato.

LE MIGLIORI SOFT SKILLS DA MOSTRARE IN UN COLLOQUIO DI LAVORO

Alcune tra le soft skills più importanti da dimostrare in sede di colloquio sono l‘attitudine, la flessibilità, la personalità, la leadership, positività.

L’attitudine è un attributo che viene ricercato soprattutto in termini di propensione al lavoro e nell’abilita di performare anche in situazioni di difficoltà e pressione.

La flessibilità‘ indica la disponibilità di essere disponibile in caso di scadenze a breve ad essere operativo fuori orario nel caso fosse richiesto.

La personalità‘ è qualcosa di originale che ognuno ha.

E’ ottimo mostrare di avere un proprio parere in una determinata questione.

Non sono solo valorizzate persone che sono sempre accondiscendenti, ma coloro che sono in grado di esprimere un opinione o decisione per la buona riuscita degli intenti imprenditoriali.

La leadership, è appunto la capacità di dirigere un team in una determinata direzione.

Essere un leader significa prendere decisione e guidare il team nel rispettare le stesse.

Un altra caratteristica molto importante per un azienda è appunto la positività.

Avere un cosiddetto can-do attitudine come si dice in inglese è appunto l’attitudine di portare a termine un determinato progetto, di esprimere positività nel portare a termine i progetti di cui ci si è parte.

LE DOMANDE CHE VENGONO SPESSO CHIESTE

colloquio di lavoro

Le domande che durante la sede di colloqui vengono chieste sono le seguenti:

  • Gentile Nome Cognome, le chiedo di presentare il tuo percorso di carriera ed educazione
  • Gentile Nome Cognome, quale è stato un momento durante la tua carriera che è stato sfidante, e come hai agito di conseguenza?
  • Quali sono i motivi per cui dovremmo assumere te?
  • Quali sono i tuoi pregi e difetti?
  • Dove ti vedi nei prossimi 5 anni di carriera lavorativa?
  • Il datore di lavoro vi presenta uno o più scenari di lavoro e vi chiede come agireste in questa determinata circostanza.

Le domande possono essere molteplici, ma ci soffermiamo in questo articolo alle domande riguardanti le Soft Skills che in genere vengono chieste.

Personalmente sono queste le domande che mi sono state spesso chieste durante i colloqui di lavoro che ho affrontato in Italia.

Molto interessante è anche il fatto che le stesse mi sono state fatte quando concorrevo per più posizioni lavorative in Inghilterra.

L’IMPORTANZA DELLA PRIMA IMPRESSIONE

colloquio di lavoro

La prima impressione è un aspetto fondamentale in un colloquio di lavoro. E’ possibile fare molto per dare la migliore impressione di noi stessi.

Per fare ciò è possibile innanzitutto curare ad hoc la nostra immagine in sede di colloquio.

A parte il curare l’immagine è fondamentale avere un buon contatto visivo con il datore di lavoro che raffermi una attitudine positiva.

Anche la stretta di mano è importante mantenendo il contatto visivo.

E’ importante innanzitutto salutare tutti e stringere la mano possibilmente a tutti (a meno che sono volutamente a distanza dal candidato).

E’ importante ascoltare coloro che ti stanno intervistando attentamente e di riflettere prima di dare una risposta.

Questo dimostra la capacità appunto di ascoltare, analizzare e dare una risposta appropriata alla domanda che vi viene presentata.

Un altra cosa che e’ importante e’ prepararsi bene sul lavoro che viene svolto dall’azienda.

Buona idea è sarebbe preparare delle domande che possano dimostrare il tuo interesse appunto sulla loro cultura aziendale.

Chiedere consigli su come svolgere al meglio il lavoro, per cui stanno assumendo.

COME VESTIRSI DURANTE UN COLLOQUIO DI LAVORO?

colloquio di lavoro

Dipende dal luogo dove si svolge il colloquio e dalla mansione di lavoro che svolgerai.

Se per esempio, svolgerai un colloqui di lavoro come badante, andrà bene vestirsi abbastanza casual.

Se invece applichi per una posizione da ingegnere o dirigente, un abito, giacca e cravatta sono più appropriati in sede di colloquio.

Il modo in cui vi vestite deve riflettere al meglio la posizione lavorativa su cui applicate e dare una buona impressione di voi stessi.

Il detto “l’abito fa il monaco” ha totalmente senso anche e soprattutto oggi.

CONCLUSIONE

colloquio di lavoro

Molto importante, oltre alla esperienza maturata e alle cosiddette hard skills (ovvero le abilità tecniche di lavoro) sono le soft skills.

E fondamentale lavorare su di esse in modo tale per cambiare drasticamente le sorti del colloquio di lavoro.

Il datore di lavoro, cerca in sede di colloquio, innanzitutto una persona che possa amalgamarsi bene con il team con cui lavorerà’.

Poi cerca, nella persona, qualcuno che possa portare dei risultati o almeno lavorare duramente in quella direzione.

La prossima volta che svolgerai un colloqui di lavoro non trascurare le Soft Skills.

Un noto dirigente dell’ospedale dove lavoravo in Inghilterra suggeriva di avere un diario, dove scrivere le domande che possono essere chieste in sede di colloquio.

Di rispondere nel migliore dei modi a queste domande, cosi da rappresentare il “PITCH” di voi stessi.

Ripetetelo tante volte a voi stessi di fronte allo specchio, oppure con l’aiuto di un familiare o un caro amico.

Spero che questo possa aiutarvi in meglio la prossima volta per ottenere il lavoro dei vostri sogni.

Quali sono le vostre esperienze con i colloqui e quali sono le domande che invece sono state fatte a voi? Arricchiamo questo articolo insieme!

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail