Introduzione

la mia esperienza - Imparare l'inglese

imparare l’inglese lavorando e vivendo all’estero sembra essere una ovvietà.

Eppure non è necessariamente quello che succede per alcuni sebbene vivendo all’ estero.

Imparare l’ inglese è un processo che molti sperimentano come un percorso lungo e tedioso.

Un percorso che rischia di perdersi su se stesso quando ci si è messi di impegno ma non praticato abbastanza.

Si rischia di spendere molti soldi in corsi accelerati dimenticando che imparare una lingua e’ un percorso a medio – lungo termine e che richiede un impegno conscio e degli obiettivi da pianificare in tale direzione.

La mia esperienza in italia

imparare l'inglese in italia

La mia esperienza con l imparare la lingua inglese deriva inizialmente dagli studi scolastici e dalla passione per la musica elettronica.

A scuola ho studiato l’inglese ed il francese ad un livello scolastico/basico.

Sarà che non mi sia mai dedicato con anima e corpo nello studio della lingua a scuola ma del fare il necessario per avere dei buoni voti.

Non è mai stata la mia priorità, cercando sempre di accedere alle informazioni nella mia lingua nativa.

Che non volevo ne potevo spendere soldi da ragazzo maggiorenne per studiare la lingua.

Questo non ha certamente giovato ad intraprendere degli studi seri che mi avessero concretamente aiutato a diventare fluente nella lingua della regina Elisabetta!

E’ stato infatti, dopo la mia laurea e dopo le difficoltà a trovare un impiego, che ne ho avvertito ancora di più la necessita, in quanto il pensiero di lavorare all’estero aumentava sempre di più.

Ho infatti scritto il mio curriculum grazie a Google traslate.

E’ stata di mio grande stupore essere stato chiamato dalle agenzie inglesi a cui avevo mandato il curriculum.

A maggior ragione, ho fatto una brutta figura nel mostrare di non capire la maggior parte di cosa mi venisse chiesto durante la chiamata.

Questa è stata la causa per cui non ho superato per oltre 5 volte i colloqui a causa del mio inglese insufficiente.

E’ stata inoltre la ragione che mi ha spinto a prepararmi maggiormente in vista degli altri colloqui che continuamente continuavo a ricevere.

Un po’ è stata la fortuna (che può aiutare, ma che arriva “when you show up!”)

Tuttavia, la preparazione fatta nei 2 mesi successivi alle sconfitte, mi ha permesso di superare i colloqui e di ricevere un offerta di lavoro a Oxford, come infermiere!

La mia esperienza nell’imparare l’inglese all’estero

Imparare l'inglese in Inghilterra

In realtà fino a quando sono partito (circa 6 mesi dopo, tra burocrazia , programmazione e scartoffie procedurali) non ho più praticato il mio inglese (incoscientemente ahimè).

Sono partito e atterrato a Londra per poi aspettare qualcuno li dell’agenzia che mi avrebbe portato a Oxford.

Notai subito le mie lacune non riuscendo a capire nessuno, soprattutto perché non ero mai stato abituato all’accento del posto che si sommava al mio vocabolario lacunoso.

Nei mesi mi sono circondato di amici italiani e stranieri.

L interazione con la lingua e’ diventata obbligatoria per sopravvivere lavorativamente e socialmente.

E stato cosi che i miei miglioramenti sono iniziati ad aumentare esponenzialmente anche se in un periodo di almeno 6 mesi per diventare soddisfacenti.

Questo si è verificato non poche difficoltà a lavoro a causa della mia comunicazione carente, rischiando quasi di essere licenziato inizialmente per questo motivo!

Le difficoltà mi hanno spinto a impegnarmi di più.

  • Ho iniziato a leggere e tradurre libri in lingua inglese per migliorare il mio vocabolario.
  • Ho frequentato piu’ amici stranieri e cercato di parlare e scrivere il piu possibile a lavoro e dopo lavoro.
  • Questo mi ha fatto diventare fluente nei 6 mesi a venire dalla mia prima partenza.

Con questo voglio dire che andare all’estero non vi insegnerà magicamente e nel breve termine a imparare la lingua.

E’ necessario volerlo consciamente e fare azioni giornaliere che aiuteranno nel medio/lungo periodo.

Conosco amici in Inghilterra che anche dopo diversi anni non hanno raggiunto la totale fluenza.

Hanno sempre frequentato altri italiani e praticato la lingua solo nel loro lavoro.

Consigli per imparare l’inglese

come imparare l'inglese

Che voi avesse il desiderio di imparare l inglese in italia o all’estero e’ fondamentale tenere queste cose a mente:

  • Imparare la lingua inglese richiede tempo e dedizione costante
  • Conoscere l’inglese significa imparare a dialogare, scrivere e leggere in quella lingua.
  • Utilizza app come tandem o cerca di avere un amico straniero , ora possibile grazie ai gruppi di espatriati in tutta italia.
  • Uscite con stranieri se siete all’estero e non con italiani per velocizzare l’apprendimento
  • Non credete nei metodi veloci per imparare l’inglese in 1 settimana. Non funzionano!
  • Vedi film in lingua originale con i sottotitoli per imparare ad avere familiarità con i suoni e con l’accento inglese.
  • Scrivi e leggi in lingua inglese. Comunica anche per iscritto con un inglese tramite chat o forum.
  • Se puoi iscriviti ad una università in Italia dove insegnano in lingua inglese (sono molte oggi e sempre in maggior numero)

Conclusione

benefici dell'imparare l'inglese

Vi prometto che imparare l’inglese cambierà la vostra vita. Come lo è stato per me.

Mi ha aiutato ad avere accesso a qualsiasi fonte video/scritta in lingua inglese.

Ho potuto finalmente seguire confortevolmente corsi in lingua inglese.

Sto terminando un master per una università Gallese, in lingua inglese.

Mi ha dato accesso a tantissime nuove opportunità lavorative, all’estero ed in Italia, di viaggiare tranquillamente in tutto il mondo e mi ha fatto trovare la mia attuale moglie 🙂

Vi si aprirà un mondo nuovo.

Se avessi constatato i benefici illimitati che dà, conoscendo la lingua inglese con confidenza, avrei preso la decisione di partire molto prima.

Quale è stata la vostra esperienza nell’imparare la lingua inglese? Quali difficoltà avete incontrato e come ha influenzato la vostra vita?

Sono curioso di conoscere la vostra esperienza! Scrivetemi nei commenti!

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail